27 aprile 2017

Edward Hopper - Morning in a city

Una donna si alza dal letto disfatto e, attraverso una finestra, osserva fuori. Cosa, lo sa solo lei.



24 aprile 2017

La mala educación

“La mala educación” è un film del 2004 diretto da Pedro Almodóvar.

Madrid 1980. Enrique, affermato regista, per il suo nuovo film cerca ispirazione nella cronaca. Improvvisamente arriva a casa sua un attraente giovane che dice di essere il suo compagno di collegio Ignacio Rodríguez. Ignacio gli consegna un racconto intitolato "La visita" che si ispira alla loro infanzia nel collegio religioso, un’infanzia non facile durante la quale vengono molestati dal loro professore di lettere nonché direttore del collegio, padre Manolo, e scoprono la loro omosessualità.



20 aprile 2017

Dondolo

🎶 Playlist: Dondolo 🎶

Una playlist di 21 minuti composta da:

Guillaume Fédou - Ouverture

Jean-Louis Murat - Les gonzesses et les pédés

Cyril Mokaiesh - Communiste

Didier Wampas - Chanteur de droite

Jacques Dutronc - L'opportuniste

Alex Beaupain - Au départ
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

17 aprile 2017

Water lilies

“Water lilies” è un film del 2007 scritto e diretto da Céline Sciamma.

Marie, adolescente introversa, ed Anne sono due amiche quindicenni alle prese con i primi amori e problemi adolescenziali. Un giorno Marie, assistendo ad un'esibizione di nuoto sincronizzato della sua amica Anne, si invaghisce di una delle nuotatrici, la bellissima capitana della squadra, Floriane. Marie, pur di starle vicino, comincia a frequentare i suoi allenamenti e a farle molti favori, dando vita ad una sorta di amicizia e accantonando quella con Anne. Poco a poco però scopre come Floriane sia meno disinibita di quel che sembri e meno matura di lei. Marie decide così di recuperare l'amicizia di Anne.



13 aprile 2017

Bertrand Burgalat - Toutes directions


"Toutes directions" è il quarto album di Bertrand Burgalat.

E' un album dalla spiccata modernità con canzoni sagge, intime ed introspettive. 


10 aprile 2017

La niña santa

Amalia e Josefina, due ragazze argentine adolescenti in preda ai primi turbamenti sessuali, a scuola discutono a lungo di fede e di vocazione con altre coetanee interrogandosi sul ruolo del divino nella loro vita, ma tra loro non fanno che parlare di baci. Le due ragazze provengono da famiglie diverse: quella di Josefina è molto tradizionalista, mentre quella di Amalia le lascia maggior libertà.

Un incontro casuale di Amalia con un medico di mezza età che partecipa ad un convegno di otorinolaringoiatria nell'albergo gestito dalla madre e dallo zio, segna la sua vita e lo interpreta come segno della sua missione da compiere: redimere il medico, sposato, ma propenso a molestare le ragazzine e salvarlo dai suoi peccati.

30 gennaio 2017

The rebels of Tijuana - La bourgeoise


“La bourgeoise” è il secondo album dei “The rebels of Tijuana” e rappresenta un tuffo nel passato. E’ un album che cavalca l’onda del rock vintage con diverse tracce strumentali.

“The rebels of Tijuana” cantano un rock alla vecchia maniera con testi per lo più in francese conducendo in un viaggio attraverso il tempo e lo spazio verso gli Stati Uniti anni ’60.


26 gennaio 2017

La piscina

“La piscina” è un film del 1969 diretto da Jacques Deray.

Jean Paul e la sua compagna Marianne stanno trascorrendo alcuni giorni di vacanza delle loro ferie in una lussuosa villa prestata loro da amici. Un giorno, mentre sono in piscina, ricevono una telefonata che preannuncia l'arrivo di un loro vecchio amico, Harry. Questi, ex amante di Marianne e amico di infanzia di Jean Paul, arriva alla villa con la figlia diciottenne Penelope e viene invitato a restare per qualche giorno. Durante una festa le premurose attenzioni ed il corteggiamento di Harry verso Marianne colpisce Jean Paul, che si avvicina a Penelope quasi per ripicca nei confronti dell'amico del quale, inoltre, ha sentito sempre la superiorità. Inizia così un gioco delle coppie ed i due uomini diventano rivali. Penelope rivela a Jean Paul come il padre lo ritenga completamente privo di talento e come in realtà desideri ancora Marianne, ritenendo di poterla riconquistare quando vuole. Durante una notte i due uomini hanno uno scontro verbale durante il quale Jean Paul affogare l'amico nella piscina. L'indagine della polizia porta solo alla scoperta di alcuni indizi che, però, non risultano validi appigli per un’accusa di omicidio, ma bastano a Marianne per convincersi della colpevolezza del compagno. Mentre Penelope, delusa, torna dalla madre, Marianne decide di rimanere per sempre accanto a Jean Paul, legata a lui da un silenzio complice.


23 gennaio 2017

Thom Thom

Thom Thom, alias Thomas Louis Jacques Schmitt, dal 2000, armato di un taglierino e di una grande immaginazione, se la prende con gli annunci sovrapposti dei pannelli quattro metri per tre sparsi in tutta Parigi, trasformandoli, dando loro nuova vita e rendendo arte manifesti pubblicitari, attività che lo ha cacciato nei guai più di una volta.

E’ il distruttore dei manifesti pubblicitari, un artista urbano parigino che lavora sui cartelloni pubblicitari tagliandoli, ritagliandoli ed incidendoli per ricostruire e ricomporre un nuovo soggetto pubblicitario: a mano a mano che Thom Thom taglia via strati di annunci, appaiono nuovi messaggi, immagini e volti che mostrano quello che non si riusciva a vedere, creando opere meravigliose che assomigliano a mosaici e che diventano dei patchwork che giocano sullo spessore, sulla grana della carta, sulla profondità dei colori e sui temi. 

Thom Thom (ha dovuto aggiungere l’h per non chiamarsi come una famosa marca) denuncia la bruttezza di una pubblicità onnipresente che però gli offre grandi opportunità e molta ispirazione.

Il processo di ricostruzione delle immagini dal loro layout originale ad un metodo di trasformazione creativa, utilizzando altre immagini, necessita di un lavoro molto scrupoloso e preciso. Il risultato è sorprendente, con un’incredibile attenzione al dettaglio.

L'arte urbana è effimera per natura. Il lavoro di Thom Thom lo è ancora di più, sottomesso all’implacabile avanzamento dei contratti pubblicitari e sempre ricoperto da nuovi annunci.