29 agosto 2016

Eyeliner

Probabilmente il cosmetico più antico, nei decenni è cambiato lo stile, la forma e persino il colore, ma l’eyeliner resta un grande prodotto classico del make up che è in grado di dare un tocco in più a qualsiasi look.

Non solo regala uno sguardo intenso, definito e penetrante dallo stile intramontabile, ma è l’unico in grado di rimodellare la forma degli occhi, valorizzandoli, rendendoli più grandi e più belli in un semplice gesto. Dà supporto al mascara e, qualora si decida di usarlo, rende più intenso l’effetto dell’ombretto. Rispetto alla matita ha un colore più netto e saturo e dura di più: ecco perché è scelto soprattutto nel maquillage estivo.

Linee sottili o spesse e marcate, linee corte e discrete oppure allungate e dall’effetto scenografico, linee sfumate oppure precise e geometriche, ce n’è per tutti i gusti: basta scegliere e, soprattutto, saper scegliere perché una riga non vale l’altra, ma va scelta con cura in base alle proprie caratteristiche.

Un segreto per imparare ad applicare l’eyeliner con facilità è quello di scegliere il pennellino giusto che deve essere leggermente rigido in modo da consentire una più precisa e ferma manualità. Ci sono diversi tipi di pennelli per eyeliner: alcuni sono triangolari a punta sottile, tali da consentire un tratto lineare e preciso; altri hanno una forma a trapezio; altri ancora sono composti da setole fitte tagliate in modo orizzontale, non consentono una grande precisione, ma sono più indicati per gli effetti intensi e quasi cinematografici. Il pennello classico per eyeliner resta quello a codina sottile e fine.

Per facilitare l'applicazione è preferibile usare un prodotto in crema o pasta, cioè in una formula ottimizzata per non macchiare la palpebra e limitare il margine di errore durante la messa in opera del maquillage. Se si preferiscono invece gli eyeliner liquidi, ma la mano non è abbastanza ferma, conviene tracciare prima una riga con una matita e poi passare sopra l’eyeliner liquido per gestirlo meglio.

Un segreto per una facile stesura dell'eyeliner è applicarlo in modo infracigliare. Con mano leggera si creano tanti puntini sull'attaccatura delle ciglia. E poi, sempre con mano lieve, si uniscono i puntini in una immaginaria linea composta da diversi trattini. L'effetto che si ottiene è naturale e discreto, ma al tempo stesso di grande profondità.  La diversità degli effetti, da naturale a cinematografico, è data dalla pressione della mano: più è pesante più il tratto sarà spesso.

Durante la stesura conviene sempre avere a portata di mano un cotton fioc imbevuto di struccante per occhi in modo da poter correggere eventuali imprecisioni nell’applicazione.




11 agosto 2016

Jónsi - Gathering stories

Il video di “Gathering stories” è un pregevole e valido lavoro di animazione dall’atmosfera nevosa.

Le scene fantasy della clip ricalcano un ipotetico viaggio che un vagabondo solitario percorre seguito da un istrice, un orso e un lupo. In viaggio per mari, monti e foreste altri animali si aggiungeranno al gruppo, per poi tramutarsi in spiriti.


8 agosto 2016

Scuola di Fontainebleau - Gabrielle d'Estrées e sua sorella

“Gabrielle d’Estrées e sua sorella”, eseguito da un pittore anonimo appartenente alla Scuola di Fontainebleau nel 1595 circa, è un dipinto raffigurante la bionda Gabrielle d’Estrées e sua sorella, la bruna duchessa di Villars.

Le due donne sono ritratte immerse in una vasca da bagno, entrambe a seno nudo e l’attenzione è catturata subito dal pizzicotto sul capezzolo di Gabrielle, amante ufficiale del re Enrico IV. Sua sorella, pizzicandole il seno, allude al fatto che presto la giovane diventerà madre e genererà l’erede al trono. La donna ha inoltre in mano un anello nuziale, simbolo del futuro matrimonio con il sovrano. Una tenda di raso rosso funge da sipario, mentre gli orecchini ostentati dalle due donne ribadiscono l’appartenenza ad un elevato rango sociale.

Sullo sfondo si apre un altro ambiente dove è seduta una donna che cuce. Sopra il camino è affisso un quadro raffigurante un uomo nudo con le gambe divaricate.


4 agosto 2016

Mogwai - San Pedro

Nell’elegante video di "San Pedro” la ripresa traballante segue un personaggio sconosciuto e misterioso che cammina lungo il ponte da Williamsburg a Manhattan in una New York innevata. Non si sa dove stia andando né perché, né tantomeno si riesce a definirne l’identità.

E’ un po’ surreale e dato che l’uomo è vestito di nero con un cappello di feltro, ricorda vagamente l’uomo dei dipinti dell'artista surrealista René Magritte.

1 agosto 2016

Les nanas d'Paname

“Les nanas d’Paname” è un progetto fotografico originale, interessante ed innovativo ideato da due ragazze di Parigi, Aurélie e Chloe, fotografa freelance specializzata nei ritratti una e truccatrice amante dei colori l’altra.

“Les nanas d’Paname” è quindi la combinazione della loro esperienza basata sulla fotografia e sul trucco, per creare un progetto artistico totalmente al femminile, pieno di idee, dallo spirito pop, appariscente ed impertinente e dai colori luminosi e vivaci. Aurélie trucca le ragazze che poi posano su uno sfondo super colorato ed eccentrico, per essere fotografate da Chloe che le immortala in un mondo del tutto particolare ed unico. 

La scelta delle ragazze da fotografare è avvenuta tra le loro amiche, rovistando nei social o contattando ragazze di cui amavano il lavoro. Erano alla ricerca di ragazze di carattere, creative e con una forte personalità che rappresentassero un universo carismatico interessante da immortalare.

Il risultato sono ottanta ritratti di attrici, cantanti, ballerine, dj, stiliste di moda o di gioielli, editrici e giornaliste, provenienti da ambienti e culture differenti, che valgono la pena di essere conosciuti, riconosciuti e guardati.


28 luglio 2016

Bon Iver - Holocene

Il video della canzone Holocene, sorprendente sia per la bellezza delle immagini che per la purezza che trasmette, è stato girato interamente in Islanda.

E’ un vero e proprio mini film, il cui protagonista è un ragazzo islandese che attraversa il paesaggio vulcanico dell'isola e il litorale, regalandoci una carrellata di immagini mozzafiato: tutto incentrato sull'intensa bellezza geologica dell’Islanda e perfettamente in linea con l'atmosfera drammatica del brano, di cui si fa estensione di profondità e levità.


25 luglio 2016

Ornette - Crazy


Ornette si chiama così per omaggiare una grande figura della musica jazz: Ornette Coleman.

Crazy, suo album di debutto, è un disco pop.

Dodici sono le tracce dell’album, una più fresca dell’altra, irriverente quando serve e spensierata per il resto del tempo, niente di rivoluzionario: melodie molto semplici sulle quali sono state scritte parole semplici. Disco eclettico, dodici pezzi che non si assomigliano l’uno con l’altro.

21 luglio 2016

Gli infedeli

“Gli infedeli” è un film francese del 2012 composto da differenti episodi diretti da Emmanuelle Bercot, Fred Cavayé, Alexandre Courtès, Michel Hazanavicius, Éric Lartigau, Jean Dujardin e Gilles Lellouche.

Nel film vengono proposte alcune situazioni di infedeltà maschile, in cui diversi uomini risultano infedeli alla propria donna.

Episodio 1. Fred e Greg sono due amici che trascorrono le serate facendo il giro dei bar per trovare nuove donne da conquistare. Fred va a casa di Greg e gli copre le spalle per un suo tradimento, dopodiché i due escono e vanno a letto con delle ragazze conosciute in un locale.

Episodio 2. Bernard si ritrova in ospedale perché rimasto incastrato ad una donna mentre facevano sesso. Il medico avverte la moglie che raggiunge il marito in ospedale.

Episodio 3. Laurent, impegnato per qualche giorno in un seminario di lavoro dove si parla di alimenti biologici, cerca disperatamente di approfittare dell’occasione per trovare una donna con cui tradire sua moglie, ma non ci riesce. Ad una festa in una stanza dell'albergo dove risiede con i colleghi conosce inoltre Antoine che anche stando su una sedia a rotelle riesce ad aver maggior fortuna con il sesso femminile. Finirà la sua serata masturbandosi e facendosi poi deridere da una collega per averla tampinata e provata a convincerla a fare sesso con lui.

Episodio 4. Il dentista Éric frequenta Ines, studentessa universitaria sua paziente che, dopo essere stati a letto insieme, insiste per uscire ed andare in discoteca dove lei bacia un’altra persona. Questo provoca la reazione furiosa di lui che viene messo alla porta dai buttafuori del locale; tornerà poi a casa dove lo aspetta la moglie. 

Episodio 5. Olivier e Lisa sono a cena da un amico che racconta di essere infedele alla moglie mentre lei è in un’altra stanza. Sulla strada del ritorno a casa, Olivier e Lisa riprendono l'argomento e la donna insiste nel voler sapere se lui l'ha tradita, ma il marito non vuole rispondere. Una volta a casa però lui confessa e ciò porta ad una litigata furiosa tra i due. Alla fine anche lei confessa il suo tradimento e dopo la delusione di lui finiscono a letto insieme.

Episodio 6. Thibault sta salutando l’amante sulla porta di casa, nello stesso momento citofona la moglie che sta rientrando in anticipo così lui caccia la donna frettolosamente e mette a posto l’appartamento. La moglie sta per rientrare in casa, ma il cane ha in bocca il preservativo così Thibault prende il cane e lo getta dal balcone.

Episodio 7. Simon, nel pieno di un’avventura bondage con una donna matura, la vede svenire sotto i suoi occhi. Nello stesso momento si solleva la saracinesca del garage ed il figlio chiede se può usufruire dell'altalena dove c'è la donna; a questa scena assiste anche sua moglie.

Episodio 8. Simon, Bernard e Thibault partecipano con scarsi risultati ad una riunione di infedeli anonimi. Il giorno dopo, però, alla riunione non si presenta nessuno, ognuno trovando delle scuse da raccontare alla dottoressa che tiene le riunioni la quale resta delusa da queste loro assenze.

Episodio 9. Tornano i protagonisti del primo episodio, Fred e Greg. Il primo vince un viaggio a Las Vegas e porta con sé l’amico. Entrambi a causa di questo viaggio discutono con le loro mogli, contrarie alla loro partenza. Inizialmente va tutto bene, ma poi finiscono col litigare tra di loro e a prendersi a pugni. Una volta fatto pace escono insieme, conoscono delle donne e si ubriacano. Quando tornano in albergo vanno a letto insieme e decidono di non far più ritorno a Parigi e di rimanere a Las Vegas.



18 luglio 2016

Esprit

Esprit è un marchio internazionale di moda. Fondato nel 1968 a San Francisco da Susie e Doug Tompkins, è un tributo allo stile di vita californiano: moderno, alternativo e discreto. 

Capace di catturare in anticipo le tendenze, le proposte del brand sono indirizzate ad un pubblico giovane - uomo, donna e bambino - emergendo grazie ai materiali di qualità ed esprimendo creatività, attenzione ai dettagli ed un carattere riconoscibile sia nell’abbigliamento che negli accessori.

Per il rapporto qualità prezzo, Esprit è un ottimo prodotto di moda casual per tutti i momenti della giornata.